> Residenza Studio Mattia Pajè

1 Settembre – 31 Ottobre 2021

Mattia Pajè (Milano, 1991)durante la sua residenza ha approfondito ed esplorato in lungo e in largo lo spazio di Palazzo Vizzani: gli studi, gli ambienti espositivi, fino all’altana che domina il paesaggio del centro storico di Bologna, e i sotterranei dell’edificio, che durante la seconda guerra mondiale vennero utilizzati come rifugi per la popolazione in fuga dai bombardamenti. Durante questa ricerca l’artista ha dato vita a una serie di disegni e alcuni tra questi sono stati allestiti temporaneamente nelle cantine di Palazzo Vizzani. L’artista ha selezionato cinque disegni retroilluminati tramite light box, nei quali emerge nitida la vocazione dell’artista verso una ricerca grafica basata principalmente sull’essenzialità della linea. Ma l’intenzione alla base del suo intervento è quella di compiere una vera e propria esplorazione di quei luoghi che lo sguardo tende a omettere, non propriamente spazi interstiziali o abbandonati, ma ambienti che sfuggono alla visione, e che sono dominati dallo scorrere passivo del tempo. Simbolicamente l’esplorazione dell’artista parte dall’ambiente più luminoso del Palazzo, l’altana, fino a raggiungere le cantine. In questi luoghi pervasi dall’oscurità Pajè porta la luce della creazione, che è anche essenza stessa della struttura architettonica del Palazzo.

Mattia Pajè: Open Studio

Mercoledì 24 e venerdì 26 novembre dalle ore 18 alle 20

Mercoledì 24 ingresso su  invito;

venerdì 26 solo su prenotazione, scrivendo a: info@alchemilla43.it

(L’entrata ai sotterranei prevede un massimo di due persone alla volta, fino a un massimo di dieci per ogni ora).